Ultima modifica: 12 Aprile 2019

Uscita didattica a Brisighella: classi prime, scuola secondaria di Coriano

Venerdì 29.03 2019, le classi 1A-B-C della secondaria di I grado di Coriano, accompagnate dai loro docenti, si sono recate a Brisighella per un’interessante visita didattica tra storia, cultura e ricchezza del territorio.

La visita alla Rocca ha rappresentato un momento di grande interesse. Edificata nel 1310 dai Manfredi, signori di Faenza, rimase a questa famiglia fino al 1500, quando passò per soli tre anni a Cesare Borgia. Dal 1503 al 1509 appartenne ai Veneziani che costruirono il grandioso maschio e due lati delle mura, poi fece parte dello Stato Pontificio. Alla fine del 1500 i due torrioni furono ricoperti da un tetto. La Rocca conserva ancora le caratteristiche delle fortezze medioevali: i fori per le catene dei ponti levatoi sopra la porta d’ingresso, i beccatelli e le caditoie, i camminamenti sulle mura di cinta, le feritoie.

Degna di nota anche la Via degli asini, una strada sopraelevata che riceve luce dalle caratteristiche finestre ad arco, di diversa ampiezza. Famosa per le sue uniche caratteristiche, è una preziosità architettonica unica al mondo. Costruita probabilmente nel sec. XIV, rappresenta il più antico baluardo difensivo a protezione del borgo. In un primo tempo scoperta, la strada era camminamento di ronda e via di comunicazione, poi fu coperta e inglobata nelle abitazioni quando perdette la sua funzione di difesa. In seguito in questo quartiere abitavanoi birocciai, che trasportavano ilgesso dalle cave sovrastanti il paese, servendosi di asinelli, da cui il nome “Via degli Asini”. Le stalle si trovavano di fronte agli archi mentre le abitazioni erano ai piani superiori. I carri da trasporto, “le birocce”, erano sistemate nei cameroni scavati nel gesso, che si aprivano nella piazza sottostante.

Infine una visita alla cooperativa dell’olio, per vedere i vari passaggi della produzione di questa importante risorsa del territorio e godere di… una meritata degustazione!

Ecco il video realizzato da Federico Domeniconi, classe 1 A (clicca…)

 

 

 




Link vai su